PROGRAMMA

1º giorno – sabato 18 maggio – Ritrovo dei signori partecipanti nei luoghi prestabiliti e partenza per il VENETO, sosta conveniente per la colazione facoltativa, arrivo a PUNTA SABBIONI dove avremo l’imbarco su un battello privato, trasferimento sulla Laguna di VENEZIA. Tempo libero per visitare la città, al mattino sarà certamente un piacere camminare per i vicoletti, tramite i diversi ponti, e fermandovi di tanto in tanto, per ammirare gli oggetti dell’artigianato locale esposti sapientemente nelle varie “botteghe” locali. Passando davanti alla Chiesa di Santa Lucia si potrà intravedere la facciata dell’Università Cà Foscari. Pranzo libero. Nel pomeriggio incontro con la guida per la visita della città. Venezia è il capoluogo della regione Veneto, è adagiata su più di 100 piccole isole all’interno di una laguna nel mare Adriatico. In questa città non esistono strade ma canali, tra cui il Canal Grande, fiancheggiato da palazzi rinascimentali e gotici. Sulla piazza centrale, piazza San Marco, sorgono la Basilica di San Marco, arricchita da mosaici bizantini, e il campanile di San Marco, da cui si possono ammirare i tetti rossi della città, proseguimento della visita con altri monumenti, il Ponte di Rialto Palazzo Ducale (esternamente) etc.  etc.…  al termine trasferimento da Venezia a Punta sabbioni in traghetto, sistemazione nelle camere cena e pernottamento.

2º giorno – domenica 19 maggio – Prima colazione in Hotel e partenza per CAORLE, alla scoperta della sua laguna, La laguna di Caorle, tanto amata da  Ernest Hemingway, è un’area naturalistica protetta tutta da scoprire per la sua flora particolare (non solo orchidee ma anche la salicornia veneta, il limonio del caspio e il lino delle fate piumoso, piante particolari tutte da ammirare), per i moltissimi uccelli migratori e stanziali censiti (oltre 280 specie tra cui l’anatra, il tarabusino, l’airone rosso, la folaga, il tuffetto e il germano reale) e per la varietà di pesci che vi si riproducono. Da queste parti è stata avvistata anche una volpe! scopriremo infatti a bordo di una motonave con un giro che dura circa due ore e mezza, è un’esperienza che vi rimarrà nel cuore. Questa escursione è senz’altro l’attrazione turistica più caratteristica della zona dal punto di vista ambientale e prevede una sosta al Villaggio dei Pescatori, da un punto di vista completamente nuovo, tra scorci inaccessibili, fitta vegetazione e animali acquatici. Pranzo nei CASONI, le tipiche costruzioni in legno e canna di palude in cui i pescatori un tempo custodivano le loro attrezzature e per alcuni periodi vivevano. Pomeriggio tempo libero per attività individuali e visita della cittadina di CAORLE. Il cuore della località era e rimane il centro storico: antico borgo peschereccio, con le sue case dai brillanti colori tipici della tradizione veneziana, che un tempo si affacciavano su antichi rii, ora interrati (Caorle, infatti, è definita “La Venezia in miniatura”). L’edificio più antico e importante della città è il Duomo, dedicato a Santo Stefano Protomartire ed eretto, secondo la tradizione, nel 1038. Di fronte al Duomo, isolato, si eleva sul mare, come una sorta di faro, lo splendido campanile cilindrico dell’XI secolo. Un altro simbolo della Città è sicuramente la chiesa della Madonna dell’Angelo, luogo di devozione molto caro ai caorlotti. Al suo interno è custodito il trono in marmo su cui, la leggenda narra, venne ritrovata la statua della Madonna galleggiante tra le acque. Ogni 5 anni i caorlotti, e non solo, rinnovano la loro devozione a Maria con la Processione sul Mare, seguita da migliaia di fedeli. Nel tardo pomeriggio partenza per il viaggio di rientro, sosta lungo il percorso per la cena facoltativa, arrivo previsto in tarda serata.

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE È DI € 240,00 (In camera doppia)

COMPRENDE: viaggio in pullman G.T., trattamento di mezza pensione in hotel 4 stelle, 1 pranzo tipico nei casoni, navigazione laguna, traghetto a/r per Venezia, guida, nostro accompagnatore, assicurazione.

NON COMPRENDE: tutto quanto non indicato espressamente nel programma o indicato come facoltativo.